Fondo Rotativo Imprese Turismo   

Agevolazioni PNRR al settore turistico attraverso il FRI 

Immagine Per Fondo Rotativo Imprese
Novità |  Imprese | 

In attuazione del punto m1c3 del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) è stata declinata un’importantissima misura rivolta al settore turistico che mira al sostegno di nuovi investimenti con una doppia forma agevolativa che combina un contributo diretto a fondo perduto e finanziamenti agevolati concessi pariteticamente da CDP, al tasso fisso dello 0,50%, e Banca a tassi di mercato.

 

Le risorse del Bando ammontano ad € 180.000.000 sviluppate nel quadriennio 2022 – 2025 e sono rivolte alle imprese operanti nel settore turistico ricettivo quali imprese alberghiere, agrituristiche, strutture ricettive all’aria aperta, stabilimenti balneari, complessi termali, porti turistici, parchi tematici e più ampiamente imprese che si occupano di fiere e congressi, affini quindi al comparto turistico. Le modalità di concessione dei contributi sono regolate con una procedura valutativa ed a sportello in ordine cronologico di presentazione.

 

I progetti presentati dalle imprese dovranno riguardare i punti di cui sotto, meglio specificati nell’allegato:

  • Riqualificazione energetica
  • Riqualificazione antisismica
  • Eliminazione barriere architettoniche
  • Interventi edilizi funzionali alle riqualificazioni
  • Piscine termali e attrezzature per attività termali
  • Interventi digitalizzazione
  • Acquisto/rinnovo arredi

 

a cui possono essere connesse anche le spese riguardanti la progettazione (2% delle spese di progetto), acquisto fabbricati (50% delle spese di progetto).

 

L’importo delle spese ammissibili a progetto dovrà avere una dimensione minima di € 500.000,00 e massima di € 10.000.000,00.

 

Il contributo a fondo perduto parte da un minimo del 5% fino al 30% delle spese ammissibili condizionatamente al fattore “dimensionale” di impresa (micro-piccola-media-grande) ed alla sua ubicazione territoriale.

 

Il finanziamento, che non può essere superiore alle spese di progetto al netto della quota a fondo perduto ed eventuale apporto di mezzi propri, è diviso al 50% da un finanziamento di CDP al tasso fisso dello 0,50% ed al 50% da finanziamento bancario. La durata massima prevista è di 15 anni con un preammortamento concedibile di 3 anni; la rateizzazione è semestrale (30/06 e 31/12) e l’erogazione, anche a stato avanzamento lavori, deve essere contestualmente di pari passo tra CDP e Banca, ed è possibile abbinare garanzie reali e personali.

 

RomagnaBanca ha sottoscritto l’adesione alla convenzione per poter essere al fianco delle imprese turistiche nel sostenere i loro progetti e mette a loro disposizione il proprio network di consulenti qualificati per tutta l’assistenza tecnica necessaria al fine di partecipare al bando.

Documenti scaricabili